You are here :Chi Siamo Registrazione  Accedi 
La Storia de La Castagnola RE

La Castagnola RE è una giovane società immobiliare nata dalla passione per il Lago Maggiore dei propri soci. Milanesi di origine ma “lacustri” d’adozione i nostri soci trascorrono buona parte dell’anno sulle rive del lago allontanandosi dalla vita frenetica e caotica della città.

Ed allora, perché non condividere con altri questa passione? Perché non far conoscere a tanti il Lago ed i suoi dintorni? Queste risposte ce le siamo date proponendo le nostre soluzioni immobiliari per trasmettere anche ad altri la nostra stessa scelta per una vita il più possibile tranquilla in un contesto unico nel suo genere.

  
Perché il nome La Castagnola RE?

La Castagnola (Pallanza - Lago Maggiore)La Castagnola è la collina residenziale di Verbania, un grande polmone verde punteggiato di spettacolari abitazioni private e pubbliche immerse in verdeggianti giardini. Su La Castagnola vi sono le bellissime e pubbliche Villa San Remigio, figlia di un grande amore tra Sofia Browne e Silvio Della Valle di Casanova; Villa Taranto, nata da una straordinaria passione botanica del Capitano Neil Boyd McEacharn ed altrettante ville private tra le quali, solo per citarne alcune, la Villa l’Eremitaggio, le Ville Medini, Villa Scagliola, Villa Cadorna e molte altre ancora.

Ed è passeggiando per le strette stradine de La Castagnola che un giorno venne l’idea di dare questo nome di battesimo alla nostra società; dopotutto “…i castagni della castagnola hanno portato fortuna a questa collina, perché non potremmo averne anche noi?...”.

Stavamo quasi per dimenticare un consiglio: in una giornata di sole fate una passeggiata sulla strada litoranea che da Pallanza porta a Villa Taranto, girate nella piccola Via alla Castagnola e poi ancora a destra nella Via al Collegio e poi su per la Via Viani ed ancora per la Via San Remigio. Beh, arriverete all’oratorio romanico di San Remigio, la perla della Castagnola, straordinaria chiesetta del XI-XII sec. dalla quale si gode una vista mozzafiato sul lago. Allora capirete veramente cosa noi intendiamo dire.

Due cenni storici: il promontorio della Castagnola costituisce nel suo insieme un unico ambiente di eccezionale valore paesaggistico. così denominato per la fitta vegetazione di castagni che un tempo lo caratterizzava, ha assunto l'aspetto attuale tra la fine del XVIII° secolo ed i primi decenni del XIX°, allorchè per la bellezza dei suoi panorami, per la ricchezza della sua vegetazione e per la felice esposizione a mezzogiorno, ebbe inizio la costruzione di ville in stile rinascimentale o liberty nella cornice di quei grandi parchi ad impostazione romantica che sono oggi la componente più preziosa nel paesaggio del Lago Maggiore.

L'ambiente della Castagnola deve dunque essere compreso in questo suo significato paesaggistico ed in questa sintesi tra architettura e natura. Gli stretti percorsi tra i muri che delimitano i parchi, le scorciatoie a gradoni che superano i dislivelli di quota del suo terreno movimentato, le improvvise aperture panoramiche, la richezza ela varietà della vegetazione in gran parte esotica, i grandi cancelli dagli eleganti motivi in ferro battuto, le riposanti vedute sulle studiate composizioni arboree dei giardini all'inglese ae all'italiana, la presenza diffusa ed unificatrice del "liberty" sono elementi che concorrono alla formazione di questo ambiente e ne esaltano il significato estetico e culturale.

Domina questo complesso di valori ambientali e paesaggistici, con una nota improvvisa e preziosa per la sua antichità, l'oratorio di S. Remigio, che sorge in posizione isolata nel folto verde della Castagnola. E' il monumento più vetusto dell'intero territorio di Verbania e ne è anche il più importante documento di architettura romanica, giunto ai giorni nostri in buone condizioni. La preziosità intrinseca di San Remigio è valorizzata dalla cornice naturale che la circonda, in un'oasi di silenzio e di pace. E se questo monumento è un po come un tesoro nascosto da scoprire, anche il percorso per accedervi è come una premessa a questa scoperta, con un valore d'ambiente che deve essere scrupolosamente difeso.